Fame nervosa con Voglia di dolci

02/11/2016

Fame nervosa con Voglia di dolci


Fame nervosa: controllarla con l'alimentazione ed i rimedi naturali

Vediamo intanto perché lo zucchero è così dannoso e poi vedremo come è possibile liberarsi da questa dipendenza (perché si tratta di una dipendenza vera e propria).

Se introduciamo nel nostro corpo un eccesso di zuccheri, oppure mangiamo alimenti con un alto indice glicemico (ossia alimenti che alzano molto velocemente la glicemia), creiamo un picco glicemico (cioè un aumento repentino di zuccheri nel sangue). A sua volta questo causa un picco di insulina per generare l’abbassamento immediato degli zuccheri nel sangue.

Questa condizione è detta di ipoglicemia, cioè un abbassamento del glucosio nel sangue al di sotto della soglia ideale, responsabile della voglia di dolci e di molti altri fastidi.

Se questa situazione si protrae nel tempo il pancreas, l’organo deputato alla produzione di insulina, si affatica e, nel caso peggiore, potrebbe non funzionare più correttamente, portando al fatidico diabete. Dobbiamo interrompere questo circolo vizioso prima che sia troppo tardi!

Da cosa possiamo riconoscere uno stato di ipoglicemia?

  • Fame nervosa o eccessiva (fino alla bulimia)
  • Sonno superficiale, a causa della tensione nella parte centrale del corpo
  • Voglia di alimenti dolci, alcool, patate, frutta (in particolare quella tropicale), succhi, stimolanti
  • Cali di energia al pomeriggio
  • Nervosismo, irascibilità, sbalzi d’umore
  • Dolori alla zona dorsale della schiena
  • Piedi freddi
  • Eccessiva emotività (fino agli attacchi di panico)
  • Litigiosità con il partner

E ora veniamo ai rimedi per ovviare al fastidioso inconveniente dell’ipoglicemia, che come abbiamo visto causa diversi disagi.
Il primo rimedio per ridurre definitivamente la voglia di dolci consiste in una ricetta semplicissima che potrete preparare da soli a casa:

BRODO DI VERDURE DOLCI
Si tratta di un rimedio dal potere rilassante e specifico per problemi di tensione al pancreas. Ecco come si prepara.

Ingredienti
1 tazza di zucca a cubetti
1 tazza di cavolo cappuccio tagliato in piccoli pezzi
1 tazza di cipolla a mezza luna
1 tazza di carote tagliate a pezzi
12 tazze d'acqua

Unite tutti gli ingredienti, portate a bollore e cuocete a fiamma bassa per 20 minuti. Si filtra e si beve il liquido caldo, preferibilmente nel tardo pomeriggio o quando si percepisce il calo di energia e inizia la voglia di dolce. Per ottenere un effetto duraturo andrebbe preso una o due volte al giorno per uno o anche due mesi. Una volta preparato il brodo potrete tenerlo in frigor per circa tre giorni e scaldarlo al momento del bisogno. Se volete prepararne di meno, a seconda delle vostre esigenze, basta utilizzare le verdure in pari quantità, tagliate anche grossolanamente, e aggiungere un volume d'acqua pari a 3 volte circa il volume totale delle verdure.

Quale prodotto fitoterapico può coadiuvare l'effetto del brodo di verdure?

GARCINIA CAMBOGIA. Si tratta di un integratore alimentare in pratiche compresse, da assumere due volte al giorno. A dire il vero le sue proprietà sono molteplici, ma oggi ve lo vogliamo consigliare proprio per il suo potere contro la fame nervosa. Se volete saperne di più consultate la scheda tecnica della Garcinia Cambogia.

In ogni caso gli appassionati di dolci non si disperino: esistono delle ricette per realizzarli senza zucchero in modo da soddisfare il palato e non danneggiare la nostra salute. Vi sveleremo qualche ricetta nei prossimi post.