Salice

14,50


Gratis
Disponibilità:

da 3 pezzi € 13,05

Codice prodotto 0317
Categoria Tinture Madri
Marca Nonna Ortica
Disponibilità
Tempistica di preparazione prevista 1 giorni lavorativi

Segnala ad un amico

Altre domande ?

SALICE CORTECCIA- tintura madre 

Qualità del Salice: Freddo e Secco, addensa, astringe, asciuga.

Sapore della Tintura madre di Salice: insipido-astringente.

Organotropismo: intestino, polmoni, articolazioni, apparato osteoarticolare, sistema nervoso.

Tradizione e storia:
Salice si collega al latino saliva "saliva, spuma, bava", e all'accadico Sialu "bagnare", e alba "bianca", riferito alle foglie bianche setose ed al colore biancastro della corteccia. Poiché i suoi frutti cadono prima della maturazione era albero simbolico dedicato alla Madre Terra, sacro ad Artemide, Persefone ed Ecate, immagine ambivalente di Vita e di Morte. Nella cultura romana – vimen viminis – perchè dai suoi rami flessibili si ricavavano i cesti utilizzati nei rituali sacri. Plinio indica ricette con le foglie per calmare gli ardori sessuali, è albero centrale nella festa ebraica delle Capanne, a ricordare la fuga del popolp ebreo dall'Egitto. Considerato fin dall'antica Grecia albero lunare, caratterizzato dalla natura Acquea, il Salice rientrava negli incantesimi e nelle pratiche di stregoneria. Galeno scrive che "è albero astringente e sedativo.. dissecca senza mordicità.. consolida le ferite fresche e sanguinose.. i calli ed i porri se fattone impiastro con aceto.. il succo per tutti gli impedimenti che offuscano la pupilla de gli occhi". Castore scrive che le foglie "giovano ai dolori colici.. agli sputi del sangue.. l'acqua stillata a mezzo maggio dalle frondi giova alla pietra, provoca l'orina, e ammazza i lubrici, e scaccia fuori le creature morte. Leclerc sottolinea l'azione sedativa e vi aggiunge l'efficacia nelle dismenorree e nell'eretismo genitale. La Salicina fù isolata nel 1829 da Leroux. Nel 1850 Cazin la indicò come rimedio principale nella febbre. Oggi entra nella farmacopea tedesca ed inglese come antipiretica ed antinfiammatoria.

Secondo l'uso tradizionale la Tintura madre di Salice è un coadiuvante naturale in caso di ansietà, cefalea, febbre, fibromialgie, forme reumatiche acute o recidivanti, insonnia, lombalgie, neuroastenia, osteoartrite, xerostomia.

Controindicazioni:
Usare con precauzione in gravidanza e durante l'allattamento, sconsigliato nell'ultimo trimestre di gravidanza perchè può causare o aumentare l'intensità dell'ittero prenatale. E' consigliato l'uso sotto controllo medico nei bambini sotto i 12 anni per l'analogia strutturale con l'acido acetilsalicilico. In caso di gravi alterazioni della funzionalità epatica o renale, disordini della coagulazione, ulcera gastrica o duodenale, deficit della funzione della glucosio-6-fosfato-deidrogenasi.

Interazioni:
Nonostante la scarsa interazione con antiaggreganti piastrinici e la ridotta possibilità di irritazione a livello gastrico, l'associazione con anticoagulanti o FANS potrebbe implementare il rischio di emorragie e/o gastrite. Può avere azione antagonista sull'effetto uricosurico del probenecid.

Effetti collaterali:
In genere è ben tollerato. Nel 4% dei pazienti sono riportati effetti collaterali quali nausea, rash cutanei ed asma.

Dosaggio consigliato: 30-60 gocce tre volte al giorno preferibilmente prima dei pasti.

Formato: Flacone in vetro da 50ml con pipetta graduata contagocce